venerdì 12 Luglio 2024

Home / Pubblicato su ESR / Recensione/Nota / Sguardi dalla periferia del lavoro – Recensione di Marianna Benini a lavoro inestimabile di Pascale Molinier

Sguardi dalla periferia del lavoro – Recensione di Marianna Benini a lavoro inestimabile di Pascale Molinier

Autori: Marianna Benini

Potente fattore di gerarchizzazione, il lavoro di cura ‒ come concepito all’interno del sistema capitalista patriarcale ‒ mette in fila i suoi livelli di oppressione: degli uomini sulle donne in primo luogo, ma anche, e questo è il punto forte dell’argomentazione del libro di Pascale Molinier, delle donne tra loro.
Riprendendo alcuni elementi del pensiero di Carol Gilligan sulla dimen-sione etica della cura, in particolare nel punto in cui la filosofa americana afferma che «la capacità di preoccuparsi per l’altro non è né maschile né femminile», Pascale Molinier smonta molti dei pregiudizi legati al lavoro di cura e del lavoro domestico, non solo quelli dipendenti dalla variabile genere, ma anche a tutte quelle questioni complesse che intrecciano il tema della razza e della classe. A prescindere dal genere dei soggetti che lavorano, l’autrice si sofferma con particolare efficacia sull’indifferenza che viene riservata a chi si occupa della cura nella sua dimensione salariata e presenta un “tuffo” nella sua ordinarietà, rivelando un mondo teso, intessuto di rap-porti di forza, servitù, irritazione e stanchezza. Molinier riassume in modo assai chiaro ed efficace la conflittualità intrinseca di un lavoro che viene da-to per scontato e ridotto a una lista di mansioni quotidiane e che però con-tiene anche una componente affettiva assai difficile da descrivere, quantificare e rendere esplicita.
In Occidente è stata costruita una catena della cura per cui ci sono altre donne ‒ migranti spesso ‒ che hanno preso il posto dei/delle parenti accanto ai cari in condizione di dipendenza delle famiglie e a loro sono state trasferite mansioni che presentano aspetti di affettività e di amore che non hanno nulla a che fare con il “lavoro salariato”.

All’interno di queste pagine Molinier fa, ad esempio, incontrare ai lettori persone – quasi tutte donne ‒ che lavorano in una casa di cura, Villa Pleni-tude, che ospita residenti affetti da demenza senile e morbo di Alzheimer. Attraverso la voce di chi si prende cura di questo tipo di pazienti ‒ dalla di-rigenza medica fino all’addetta alle pulizie ‒ Molinier mette in contatto con parole, immagini e suoni della cura cui non si è abituati e che forse nemme-no si vogliono vedere né sentire. Parlano le infermiere e le assistenti, che non provano alcun piacere nell’accudire quei pazienti, che possono benis-simo essere i cari di ciascun lettore, e quando devono prestare quell’attenzione particolare che la cura richiede, lo fanno dettate dalla paura del licenziamento o dalla preoccupazione di “fare il proprio dovere” ed es-sere lasciate in pace, a fronte dello svilimento, della stigmatizzazione e dell’umiliazione cui sono continuamente sottoposte; parlano le psicologhe che devono recuperare la carta igienica nonostante non rientri nelle loro mansioni, ma che se ne occupano perché è molto più facile non seguire fe-delmente la catena di cura a cui sono sottoposti i pazienti che gestire le fa-miglie degli stessi. Nel riportare a un orecchio non abituato le voci di chi compie questo tipo di lavoro di cura, l’autrice costruisce immagini e suoni che stridono con le parole della consuetudine. Quel lavoro ha un odore e un sapore, delle immagini. Stride con ciò che viene descritto asetticamente come lavoro riproduttivo, salarizzabile, e che si pensa possa stare al pari del pulire una casa o curare un giardino.
Pascale Molinier alla fine della sua trattazione, propone come soluzione a queste contraddizioni del sistema capitalistico in cui tutti e tutte sono im-mersi un deciso cambio di paradigma, sostenendo la necessità di uno spo-stamento dell’epicentro attorno a cui ruota la società, cioè il passaggio ad un sistema centrato realmente sulla condivisione della cura. Una sorta – più che di “etica della cura”, o un’etica del lavoro ‒ di “nuova etica sia produt-tiva che riproduttiva” fondata sulla preoccupazione verso gli altri, ipotiz-zando una società del benessere, dell’interdipendenza, in cui l’accento pre-valente è posto sul beneficiare tutti e tutte in momenti diversi della vita, del-la cura.
Tuttavia, chiarisce bene Molinier, nello spostamento da una società che si concentra sul lavoro e sulla produttività ad una dedicata al benessere ‒ inteso in senso ampio ‒ delle persone, servono maggiori attenzioni ai biso-gni e serve la capacità di trattare ogni persona che rientra a fare parte del processo del “care” come persona a tutti gli effetti, con tutti i suoi desideri e bisogni e non considerando, quindi, solo i benefici diretti. Il lavoro ripro-duttivo non è un processo tramite il quale, sottolinea Molinier, si trattano le persone tutte nello stesso modo, ma in quanto processo dinamico e sociale vuole includere tutti i gruppi sociali e i singoli individui presenti nella so-cietà. Per ottemperare a ciò bisogna riconoscere però la diversità dei biso-gni. È possibile che questo avvenga senza quella parte della cura che impli-ca l’affetto? che valore avrebbe quel lavoro senza la parte emotiva che è in-trinseca a quel tipo di relazione?, si chiede Molinier, che tocca anche tema-tiche come de-gerarchizzazione, de-specializzazione o de-professionalizza- zione della cura, nella misura in cui queste strutture rigide hanno ostacolato la sua “erogazione” più di quello che uno schema libero, in cui qualsiasi persona che non possiede capacità o competenze particolari, potrebbe fare.
Poiché del “care” non hanno bisogno solo alcune persone in particolare, sottolinea l’autrice, ma la società tutta indistintamente, e non ci sono delle competenze o delle caratteristiche distintive che certifichino la capacità di alcune persone ‒ e soltanto le loro ‒ di occuparsi e preoccuparsi per qual-cun’altra/o, ciò che appare urgente fare, sostiene Molinier, è realizzare una trasformazione politica dello sguardo che normalmente viene posto all’intera dimensione del lavoro e anche al valore che ad esso è attribuito, ponendo il “prendersi cura” al centro di ogni riflessione ‒ anche etica ‒ sul-la dimensione generale della convivenza – ipotizzando la creazione di una sorta di “società della cura” contrapposta al “neoliberismo” e al suo nucleo morale basato sull’autonomia e sulla prestazione del singolo.
Il merito del lungo e profondo lavoro teorico sul tema della cura dei femminismi è di aver fornito una lente critica particolarmente potente con la quale leggere la realtà contemporanea: la lente della vulnerabilità, della dipendenza e dell’interdipendenza non solo dei soggetti in condizione di dipendenza, ma anche di coloro che la erogano. Secondo Molinier, infatti, «Il “care” è cattivo se nuoce a chi lo fornisce» (p.128) e con questo suo libro compie uno sforzo di chiarezza per dimostrare come e quanto il lavoro di cura sfugga in realtà alle leggi del capitalismo e del valore che viene attribuito ad ogni merce, definendolo per questo “inestimabile”.

Cerca...

Sfoglia per categorie

Indice ESR

Questa categoria raccoglie tutti gli indici dei numeri di ESR (economia e società regionale, la rivista di IRES Veneto). Per visualizzare tutti gli articoli, segui il seguente link: Indice ESR

Pubblicato su ESR

Questa categoria raccoglie tutti i contenuti che sono stati pubblicati su ESR (economia e società regionale, la rivista di IRES Veneto). In questa categoria sono presenti sia articoli completi e gratuiti (come le introduzioni al tema monografico, oppure recensioni, o ancora note e memoriali), ma anche articoli a pagamento, ovvero disponibili nell’edizione cartacea della rivista presso l’editore Franco Angeli. Per visualizzare tutti i contenuti di questa categoria, clicca sul link Pubblicato su ESR.

Articoli ESR

Questa categoria raccoglie tutti gli articoli a pagamento pubblicati su ESR. I contenuti di questa categoria sono presenti a solo scopo informativo, tuttavia per ciascun articolo è presente il link al sito web dell’editore per l’acquisto della versione completa. Per visualizzare tutti i contenuti di questa categoria vai al link Articoli ESR.

Introduzione al tema monografico

I contenuti di questa categoria sono articoli pubblicati su ESR come introduzione al tema monografico di ciascun numero. Questi contenuti sono liberamente scaricabili senza necessità di acquistare una copia di ESR. Per visualizzare tutti i contenuti di questa categoria, clicca sul link Introduzione al tema monografico.

Recensione / Nota

Questa categoria raccoglie sempre articoli pubblicati sulla rivista ESR, tuttavia trattano argomenti collaterali al tema monografico, pertanto vengono distribuiti liberamente. Per visualizzare tutte le recensioni o note pubblicate liberamente nei vari numeri di ESR, segui il link Recensione / Nota.

Ricerche IRES Veneto

Ciascun contenuto di questa categoria riguarda un’attività di ricerca di cui IRES Veneto si è presa carico o per cui ha partecipato in modo proattivo. Questa categoria comprende sia le ricerche attualmente in corso, sia le ricerche già concluse. Per visualizzare tutte le ricerche di IRES Veneto (in corso o già concluse) visita il link Ricerche IRES Veneto.

Ricerche in corso

Progetti di ricerca attualmente in corso di svolgimento. Per visualizzare tutte le ricerche in corso, segui il link Ricerche in corso.

Ricerche concluse (rapporti di ricerca)

I rapporti di ricerca costituiscono la versione pubblicata, a cura dei committenti, dei risultati di ricerche cui partecipa IRES Veneto, anche in collaborazione con ricercatori di altri istituti, enti o atenei.

Per visualizzare tutte le ricerche concluse ed i relativi rapporti di ricerca, segui il link Ricerche concluse (rapporti di ricerca).

Paper IRES

I paper sono l’esito di ricerche e indagini svolte dai ricercatori e collaboratori IRES per le quali l’Istituto cura anche la redazione, l’editing e la stampa per la serie PaperIres.

Per visualizzare tutti gli articoli pubblicati come Paper IRES, e scaricabili gratuitamente, segui il link Paper IRES.

Pubblicazioni

L’attività di ricerca e divulgazione di IRES Veneto non si limita solo ad articoli di ricerca, infatti occasionalmente pubblichiamo anche altri volumi distribuiti al pubblico tramite una casa editrice esterna. 

Per scoprire tutte le pubblicazioni che IRES ha effettuato negli anni, al di fuori della normale attività di ricerca, segui il link alla categoria Pubblicazioni.

NEWS

Novità, eventi e iniziative dal mondo IRES Veneto. Seguite la categoria NEWS per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime novità.